Home » Mostre » I Segni della Guerra

I Segni della Guerra

Pisa 1915-1918: una cittą nel primo conflitto mondiale

28 marzo 2015 - 5 luglio 2015


Mario Sironi, 'Bombe tricolori su tutte le barbarie', 1918, Copertina de 'Il Montello', N.1, 20 settembre 1918, Milano, Collezione privata, © Mario Sironi by SIAE 2015

Nella primavera del 2015, a cento anni dall’ingresso dell’Italia nella Prima guerra mondiale, Palazzo Blu dedica una mostra al conflitto che ha inaugurato e segnato profondamente il XX secolo

La Fondazione Palazzo Blu, nell'ambito delle iniziative legate alla commemorazione del centenario della Prima Guerra Mondiale, dedica una mostra al conflitto che ha inaugurato e segnato profondamente il XX secolo.

Per ricordare questo evento e per offrire anche alle giovani generazioni, che per loro fortuna non hanno vissuto eventi così drammatici, elementi di conoscenza e riflessione, la Fondazione Palazzo Blu, con il contributo della Fondazione Pisa, promuove, dal 28 marzo al 5 luglio 2015, la mostra dal titolo “I segni della guerra. Pisa 1915-1918: una città nel primo conflitto mondiale”. La Curatela scientifica della mostra è affidata al Prof Antonio Gibelli, ordinario di Storia Contemporanea all’Università di Genova e studioso di questo periodo, che si avvale della collaborazione del Prof. Carlo Stiaccini e del Dr. Gian Luca Fruci, per le ricerche di archivio.

Attraverso documenti, lettere, fotografie, cimeli e ricordi, un adeguato e vivace apparato didascalico ricostruirà ed illustrerà come sono stati vissuti gli anni di guerra, dalle “giornate radiose” alla mobilitazione dei combattenti (la loro vita e la loro sorte, le loro immagini e lettere), l’impegno materiale ed intellettuale del territorio in relazione alle richieste della guerra (la vita in città con il lavoro femminile, gli ospedali, l’aeroporto e le scuole di volo, l’Università e l’azione della Chiesa e di un grande prelato) ed infine, alla memoria ed alle celebrazioni dei caduti. 

La mostra è l’occasione per proporre ai visitatori lettere e cartoline che i soldati pisani scrissero durante la guerra dal fronte: scritture piene di nostalgia per l’ambiente domestico e di aspettative per la fine del conflitto, quasi mai di ardori bellicosi, che pure avevano animato le aspettative della vigilia specialmente nelle classi medie e superiori, con forti richiami alla tradizione risorgimentale.

SCHEDA TECNICA

Titolo: I segni della guerra
Ente promotore: Fondazione Palazzo Blu e Comune di Pisa
Curatore: Prof. Antonio Gibelli | Dr. Carlo Stiaccini
Organizzazione: Fondazione Palazzo Blu
Comitato d’onore: Prefettura di Pisa, Arcidiocesi di Pisa, Comune di Pisa, Provincia di Pisa, Comando Provinciale dei Carabinieri, Centro Addestramento Paracadutismo, Comando Provinciale Guardia di Finanza, Aeronautica Militare 46° Aerobrigata, Università di Pisa, Scuola Superiore Sant’Anna, Scuola Normale Superiore, Procura della Repubblica, Tribunale di Pisa, Questura di Pisa
Sede: Pisa, BLU | Palazzo d’arte e cultura, Lungarno Gambacorti 9
Periodo: 28 Marzo – 5 Luglio 2015
Orari: Martedì-Venerdì 10.00 - 19.00 | Sabato-Domenica 10.00 - 20.00
Ingresso: Gratuito

INFORMAZIONI

Sito web: www.palazzoblu.it
Infoline: Tel. +39 050 220 46 50 | info@palazzoblu.it
Ufficio stampa: Fondazione Palazzo Blu | Tel. 050 220 46 11 | Mail: segreteria@palazzoblu.it

I SEGNI DELLA GUERRA
Pisa 1915-1918: una città nel primo conflitto mondiale
BLU | Palazzo d'arte e cultura - Pisa
28 marzo - 5 luglio 2015

dal martedì al venerdì
dalle 10 alle 19 (ultimo ingresso ore 18.30)

il sabato e la domenica
dalle 10 alle 20 (ultimo ingresso ore 19.30)

Lunedì chiuso

INFORMAZIONI MOSTRA E PERCORSI DIDATTICI
BLU | Palazzo d'arte e cultura
Tel. 050 220 46 50
Mail: info@palazzoblu.it

stampa